Il sito 'Dolomiti Ambiente' (dolomitiambiente.com) utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Impianto Maserot

Impianto trattamento rifiuti urbani in loc. Maserot di Santa Giustina (certificato ISO 14001, OHSAS 18001)

La Dolomiti Ambiente gestisce per conto della Provincia di Belluno l’impianto di trattamento rifiuti in località Maserot di S. Giustina dalla fase di ristrutturazione iniziata nel 1998. L’impianto è costituito da una linea per il trattamento meccanico-biologico del rifiuto secco indifferenziato e una linea per il tratttamento biologico della frazione organica da raccolta differenziata. Nel corso del 2011 quest’ultima linea è stata implementata con la realizzazione di un impianto di digetsione anaerobica per la produzione di biogas.

Linea 1 – trattamento FORSU e Ramaglie

Qui vengono conferiti i rifiuti organici domestici di tutto il territorio bellunese e alcune tipologie di rifiuti organici di origine speciale (scarti di tessuti vegetali, rifiuti della selvicoltura, rifiuti di frutta, verdura, cereali, oli alimentari, cacao, caffe’, te’ e tabacco, conserve alimentari, di lievito ed estratto di lievito, di melassa, rifiuti dell’industria lattiero-casearia, rifiuti dell’industria dolciaria e della panificazione, ecc.) per un totale annuo di circa 20.000 tonnellate. La lavorazione si suddivide in due fasi successive:

1° FASE ANAEROBICA: il rifiuto organico, adeguatamente vagliato e miscelato, viene inserito nel digestore anaerobico all’interno del quale, in assenza di ossigeno, viene decomposto da ceppi batterici diversi fino ad ottenere nella fase finale del processo – metanogenesi – la produzione di biogas; esso è costituito per il 50/70% da metano (CH4) e viene valorizzato attraverso la cogenerazione di energia elettrica (ceduta alla rete nazionale) e di energia termica (riutilizzata nel processo di lavorazione e nel teleriscaldamento dell’impianto).

2° FASE AEROBICA: il “digestato” in uscita dalla fase precedente, subisce una lavorazione di tipo aerobico – il compostaggio. Attraverso la formazione di cumuli periodicamente rivoltati per garantire la necessaria presenza di osssigeno, i batteri continuano l’opera di degradazione e decomposizione del materiale organico fino ad ottenere un composto ammendante di qualità. Esso è un ottimo ammendante per l’agricoltura, in quanto ridona forza e vita alla terra e ai suoi prodotti.

Linea 2 – trattamento Rifiuto Indifferenziato

Qui vengono trattati i rifiuti indifferenziati, la cosiddetta “spazzatura”, di 42 Comuni per circa 11.000 ton./anno. Lo scopo di questa linea è quello di separare la frazione “secca” (portata all’inceneritore o in discarica) e di igienizzare la rimanente parte “umida” in modo da renderla inerte per il conferimento in discarica come ricopertura giornaliera (BD).

L’impegno verso le tematiche ambientali e la sicurezza sul lavoro ha portato la Società a raggiungere la certificazione ISO 14001 e la certificazione OHSAS 18001 per l’attività dell’impianto di trattamento rifiuti.


Autorizzazione in vigore

Decreto n. 31 del 29.03.2017
Modifica non sostanziale del DDDA n. 60 del 27.08.2015

Decreto n. 29 del 31.03.2016
Modifica non sostanziale del DDDA n. 60 del 27.08.2015

Autorizzazione Integrata Ambientale n. 60 (.pdf)
2015

Moduli di richiesta
icona pdfModulo richiesta compost (.pdf)

icona pdfModulo di prenotazione visita guidata (.pdf)